26
Giu-2013

Parco degli Ulivi, Arzachena

Solitamente comincio a organizzare le mie vacanze in Sardegna già dal mese di marzo, se non febbraio. Sono anni ormai che il mese di agosto è dedicato alla mia isola e non ci rinuncerei per nulla al mondo. E’ questione di testa; non riuscirei a lavorare (quando lavoravo almeno!) in agosto sapendo che questo è il mese delle “vacanze”. Che dire poi essere chiusi in un ufficio dall’altra parte del mondo il giorno di ferragosto? NO NO NO….Non si può, è più forte di me! Cosi già dai primi mesi dell’anno inizia la ricerca frenetica di un volo che non costi un patrimonio, cercando di evitare scali improbabili in giro per il mondo semplicemente per risparmiare qualche soldo. Per cui Milano o Roma sono le mete preferite, da cui poi prendere il primo volo per Cagliari. Poi c’è sempre la macchina da noleggiare poiché non voglio dipendere da nessuno una volta che arrivo a casa e voglio potermi muovere in liberta e decidere come, quando e dove. Cosi mi affido alla mia cara Hertz, dato che sono ormai che mi rivolgo a loro e mi hanno sempre trattato benissimo. Essendo considerata “cliente affezionata” solitamente mi fanno pure un upgrade e mi consegnano un veicolo di categoria superiore a quello che ho inizialmente prenotato. Check! Sinora la tabella di marcia procede senza grandi intoppi.

La terza fase è quella dell’albergo; ogni anno scegliamo una zona nuova della Sardegna dove trascorrere alcuni giorni in “esplorazione” e da qui la necessità di trovare un alloggio adatto, possibilmente in prossimità della spiaggia, anche se poi si va in giro a scoprire nuovi posti. E’ cosi che scopriamo un piccolo gioiellino tra le montagne della Gallura, ad Arzachena esattamente. Siamo a pochi kilometri dal mare, il prezzo è accessibile pur essendo in Costa Smeralda, il posto è assolutamente adorabile e cosa più importante di tutto, il personale è fantastico, sempre attento a qualsiasi nostra necessità. Mi innamoro immediatamente dei nostri alloggi; le camere sono spaziose e dotate di tutti i comfort necessari (quanto tempo dobbiamo comunque trascorrere in albergo quando siamo in vacanza??). La porta finestra si apre direttamente sul giardino di fronte a noi, la piscina adiacente al ristorante a qualche centinaio di metri dalle camere, incorniciata dalle montagne di Gallura, è davvero invitante. Lungo il tragitto dalla reception al ristorante, che abbiamo utilizzato soltanto per la prima colazione perché la sera preferivamo uscire e visitare altri luoghi, un orticello, dove vengono coltivati ortaggi e verdure, fa impazzire la mia amica Donna che si ricorda del piccolo giardino che suo nonno, immigrato negli Stati Uniti dalla Calabria, curava con tanto amore. Questo piccolo angolo di paradiso si chiama Parco degli Ulivi e lo consiglio vivamente a tutti coloro che volessero trascorrere qualche giorno in Costa Smeralda senza dovere incorrere nei costi proibitivi di Porto Cervo e dintorni.

 

Un grazie di nuovo al personale che ci ha aiutato a rendere questa vacanza speciale, anche nei momenti di disperazione; trovare un carrozziere durante la settimana di ferragosto dopo che il mio amico Enrico ha deciso di agganciare il paraurti anteriore della macchina all’unico irrigatore presente nei pressi del vasto parcheggio non è cosa da tutti e soprattutto andare avanti e indietro portandoci lì e riportandoci in albergo, prima che io uccidessi il mio amico, è salvare una vita!

 

0

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:
Loading Facebook Comments ...

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec