02
Apr-2013

La sorpresa di Hauz Khas

E’ una giornata un po’ pigra.

Anche spostarsi da una parte all’altra di Delhi significa trascorrere delle ore in macchina a seconda dell’ora in cui si esce. Il traffico in questa città è qualcosa di disumano e ora capisco perché la maggior parte dei tassisti a New York arriva da quelle parti. Per loro guidare qui è proprio una passeggiata nel parco.

Bhawna propone una visita a Hauz Khas, un quartiere non troppo lontano da casa e un giro al mercato rionale, sempre tenendo in mente che per mercato s’intende una serie di diverse attività, dai negozi ai ristoranti, dal salone di bellezza al tabaccaio che vende le sigarette dal suo carretto ai bordi della strada. Trovare parcheggio da queste parti è un’impresa e finalmente dopo mezz’ora di attesa riusciamo a trovare un posto in cui infilare la macchina.

La città di Delhi negli ultimi anni sta riscoprendo le sue bellezze antiche e con grande sorpresa della mia amica, che pure ci vive, una volta arrivati a Hauz Khas ci ritroviamo immerse nel verde di un parco bellissimo e circondate da costruzioni risalenti al tredicesimo secolo. Sembra che sino a qualche anno fa questo sito fosse completamente abbandonato e lasciato andare in rovina e solo ultimamente sia stato restaurato e riaperto al pubblico. La struttura comprende tra l’altro la tomba di Feroz Shah Tughlaq, sultano della città dal 1351 al 1388, una moschea e alcuni padiglioni che venivano utilizzati per l’istruzione islamica. Il complesso si affaccia su un lago artificiale di piccole dimensioni da cui deriva il nome di Hauz Khas, ossia ‘serbatoio reale’. Intorno al complesso, i tetti delle case moderne fanno da cornice a questa nostra inaspettata scoperta. Non abbiamo molto tempo purtroppo per visitare tutto per cui facciamo un giro veloce tra i negozi. Diversamente da Old Delhi, qui è tutto molto più tranquillo…e pulito. Decidiamo di andare a mangiare un boccone in un ristorante che avevamo notato al nostro arrivo. Si trova all’ultimo piano di una palazzina al centro del mercato e ci ha colpito che abbia una terrazza all’aperto. Ci sono trenta gradi in questi giorni per cui l’idea è allettante. Il locale si chiama “IMPERFECTO” ed è uno dei posti più carini che io abbia mai visto: dislocato su tre livelli, con sedie e tavoli scombinati, tutti verniciati con diversi colori brillanti e persino un ruscello con ponticello che attraversa il prato verde. Anche le decorazioni sono particolari e inventive.  Lo staff è attento e cordiale e la pizza quattro formaggi che ordiniamo per pranzo è proprio buona. Mi riprometto che se mai dovesse capitare di avere un locale tutto mio, gli rubo tutte le idee!

Bravo! Se mai qualcuno di mia conoscenza dovesse venire da queste parti, questo è uno dei posti che consiglierò di visitare. 

0

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:
Loading Facebook Comments ...

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec