15
Set-2013

La più bella….

Le prime due settimane in Sardegna sono dedicate alla mia mamma. Le ho promesso di trascorrere più tempo possibile con lei prima che arrivino i miei amici dagli Stati Uniti..dopodiché può anche salutarmi perche’ passera abbastanza tempo prima che mi riveda. Ho deciso di non noleggiare una macchina per ora, perciò devo contare sui miei amici e sulla mia famiglia per potermi spostare in luoghi diversi e soprattutto portarmi al mare. Il mio primissimo giorno andiamo a Cagliari con Agnese per trascorrere alcune ore al Poetto, la spiaggia cittadina, che potrebbe anche apparire bellissima (ha il potenziale….ma di questo ne parlerò in un’occasione diversa) agli occhi di chi non è mai stato qui. Sapendo però le bellezze che quest’isola ha da offrire, diciamo che questo è giusto un ripiego dato che abbiamo poco tempo a disposizione. Se non altro ho cominciato ad acquistare un po’ di colore, poiché in confronto ai miei conterranei che vanno al mare ormai da mesi, sono alquanto ‘palliduccia’…

E poi mia sorella che mi compra il biglietto per il concerto di Jovanotti ed eccomi qui, in piedi per ore in mezzo a una folla aspettando che uno dei miei idoli da ragazzina (e pure ora!) esca sul palco e cominci a cantare. Se non fosse stato per un dolore lancinante alla schiena, probabilmente mi sarei pure divertita!!! Si chiama INVECCHIAMENTO…..

image

Si lo so….sono stata a Is Arutas tante altre volte negli anni scorsi, ma poiché quest’anno Vanity Fair Travellers l’ha inserita tra le spiagge più belle del mondo, ho deciso che meritava un’altra visita.  L’area intorno alla spiaggia è molto spoglia, solo terra e acqua e la meravigliosa spiaggia di quarzo che fa di questo posto un luogo assai speciale. Ho imparato comunque la mia lezione: camminare su questa sabbia richiede una resistenza non indifferente poiché è un po’ come camminare sulla neve e le tue gambe affondano sino alle ginocchia (o quasi!). NO GRAZIE! Questa volta mi godo la compagnia dei miei amici e la leggera brezza marina che rende la calura di quest’estate leggermente più sopportabile.

Is Arutas non smette mai di sorprendermi con i suoi colori e le altre spiagge confinanti.  Il tronco di un grosso albero si riposa a pochi metri dalla riva, trascinato fin lì forse da un recente temporale, perche altrimenti non avrei proprio idea di come sia arrivato fin li.. Siamo qui soltanto per una giornata, “toccata e fuga” o “hit and run” come si dice in inglese, ma ho comunque tanti altri giorni davanti a me (non avevo ancora idea che il tempo sarebbe volato!) e dato che sono state altre volte qui, queste sono le poche foto che ho scattato durante i miei primi giorni di vacanza.

image

Potete vedere le foto degli anni precedenti qui

0

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:
Loading Facebook Comments ...

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec