15
Set-2013

Bosa e Bosa Marina

Bosa?

Oh Signore! La prima e ultima volta che sono stata lì, avevo tredici anni ed ero in gita con la mia scuola media. Ovviamente non ricordo nulla, anche se era giusto qualche annetto fa! Prego mio fratello di portarmici poiché’ non ho ancora la mia macchina e fortunatamente questa volta è disposto ad accontentarmi. Enrico è finalmente arrivato in Sardegna. Il viaggio non ha subito nessun intoppo ma questa volta ero io quella che voleva ucciderlo. Ho bisogno della vostra opinione a questo punto.

Ha due scelte:

1)   Guidare o prendere il treno da Firenze a Roma e salire su un volo per Cagliari, considerato che noi viviamo non lontano dall’aeroporto.

2)   Volare da Firenze a Olbia, dalla parte opposta dell’isola dove qualcuno deve andare a prenderlo, portarlo a casa e alla fine della vacanza tornare a Olbia e poi guidare di nuovo verso casa.

Cosa pensate che abbia fatto lui? Beh, una persona intelligente e considerevole avrebbe scelto la prima opzione. Il mio caro amico invece no! E’ ancora vivo oggi solo grazie a un intervento divino!

Ad ogni modo, partiamo sabato per andare a Bosa e mentre cerco un Bed and Breakfast dove trascorrere la notte, scopro che c’è una grande festa in paese durante il weekend. Agosto è il mese di numerose manifestazioni religiose (e non!) che celebrano la Vergine Maria. Sembra proprio che questa sia considerata tra le più belle poiché si svolge lungo il Temo che scorre da Bosa a Bosa Marina, quest’ultima una frazione del paese principale.

image

Il mare di “Torre del Pozzo” a Cuglieri

Ora, se avete seguito un po’ le mie storie, già sapete che non prendo mai la via più facile per arrivare a destinazione, soprattutto se ho la possibilità’ di guidare lungo la strada panoramica che costeggia il mare. Così per la prima volta in vita mia vedo “Torre del Pozzo”, una frazione di Cuglieri e ovviamente dobbiamo fermarci a fare qualche foto. Arriviamo anche vicinissimi a S’Archittu, un’altra località famosa per il piccolo promontorio roccioso che forma un arco proprio sul mare. Fa un caldo boia, è tardi e nel caso è necessario fare una lunga camminata per arrivarci, per cui abbandoniamo l’idea e ci rimettiamo in viaggio.

“Mi hanno detto che vicino a Bosa c’è un paesino famoso per i suoi “murales” mi dice mio fratello.
“Lo so! Lo so! Gianna me ne parla spesso!” Controllo sul navigatore del mio iPhone e facciamo una piccola sosta a Tinnura per vedere ciò di cui tutti mi parlano.

image

Un murales di Tinnura

Finalmente a Bosa!!

Alloggiamo a “Su Recreu” e lo voglio menzionare perche’ è veramente un posto carinissimo e lo raccomando a tutti coloro che sono interessati a visitare questa zona. La nostra padrona di casa è una giovane ragazza gentilissima e la nostra colazione squisita, a base di torte e biscotti fatti in casa, oltre che al caffè e bevande varie accompagnate da una buona e bella selezione di salumi e formaggi. Le cose potrebbero essere perfette se solo smettesse di darmi del lei e chiamarmi “signora”, il che mi fa sentire alquanto vecchia. Daiii….dammi un attimo di respiro!!

Fa ancora caldissimo in questo pomeriggio estivo per cui chiediamo le indicazioni per arrivare alle spiagge più vicine. Finiamo cosi a “Cumpultittu”, assolutamente mozzafiato nonostante la discesa ripida lungo un sentiero pieno di rovi spinosi e dove un gruppo di tedeschi di ritorno in patria ci regalano il loro ombrellone. Lo prendiamo…e che cavolo!!! Ci sono quaranta gradi e noi non possiamo che trarre beneficio da un po’ più di ombra.

image

Cumpultittu – Bosa

Il paese di Bosa è incantevole, con le sue case coloratissime, le stradine strette e il castello in cima alla collina da dove si può ammirare tutto il panorama sino ad arrivare alla spiaggia. Naturalmente è già chiuso quando arriviamo noi, però ho deciso di rubare le foto alla mia amica per potervi dare un’idea di cosa sia. La nostra cena è a base di pesce fresco accompagnato da una buona bottiglia di vino ed io a questo punto sono pronta a togliermi i tacchi (Ps…non è un’idea molto intelligente quella di indossare le scarpe alte sapendo di dovermi arrampicare lungo la collina ma pensavo sinceramente che la cosa fosse più semplice!) e sono anche pronta ad andare a letto in modo da svegliarmi presto domattina per partecipare alla messa in onore della “Madonna del Mare”.

image

Il Temo di notte – Bosa

0

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:
Loading Facebook Comments ...

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec