10
Apr-2013

Amarillo, Texas – di Nicoletta La Vite

Iniziamo la giornata con una buona colazione, poi infilati i jeans e le All-stars, uniforme ufficiale del nostro viaggio, sistemiamo i bagagli sulla moto e partiamo alla volta del Texas.

Dopo avere percorso tante miglia, le strade cominciano a sembrare tutte uguali.

Ci fermiamo in un’area di servizio e il mio motociclista decide di fare un acquisto molto sensato: un bel Road Book!

Poiché il GPS è inutilizzabile, finalmente sappiamo dove andare senza rischiare di perderci com’è successo il giorno precedente.

C’è da dire che gli Americani che vivono sulla Route sono molto gentili con i motociclisti.

Quando abbiamo chiesto informazioni lungo il tragitto, un signore gentilmente ha attivato subito il suo satellitare e ci ha accompagnato di nuovo sulla nostra strada.

Lungo il cammino incontriamo immense distese aride che sembrano senza fine.

Ci ricordiamo di avere letto che da queste parti, lungo la Route 66, si poteva ammirare un monumento molto particolare.

Arrivati ad Amarillo in Texas, ecco il Cadillac Ranch!

È un monumento insolito: sono dieci auto piantate nel terreno, dieci rottami di Cadillac che sbucano dal nulla.

Non si paga biglietto d’ingresso, anche perché il terreno è frequentato solo da qualche turista e da mucche!!!

Le macchine erano in origine bianche, ma si ferma da quelle parti può lasciare un suo messaggio o un disegno con una bomboletta spray.

Io, da romantica che sono, ho disegnato un bel cuore.

Riprendiamo la nostra strada fino a quando non troviamo un Motel Super 8 nel quale trascorrere la notte.

Andiamo a cena in un ristorante poco distante e finalmente posso cambiare i miei vestiti.

Gonna e tacchi a spillo: ogni tanto ci vuole!

All’ingresso, l’atmosfera ci travolge immediatamente.

Un BBQ gigante troneggia sulla sala e i camerieri in jeans, stivali e cappello da cow-boy, ci fanno accomodare al tavolo.

Facciamo amicizia con una coppia che faceva circa il nostro stesso tragitto: lei americana e lui italiano trapiantato negli Stati Uniti.

Una chiacchiera e un brindisi alla serata e poi si torna tutti alle moto.

 Incontriamo pure una coppia dal Belgio.

Sono dei nonnini molto simpatici che stanno girando gli States in camper.

Mettiamo in pratica il poco inglese imparato a scuola e loro ci raccontano del loro viaggio e ci fanno sognare un po’ e nel frattempo è giunta l’ora di andare a letto.

Domani si andrà verso il New Mexico.

 

 

0

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:
Loading Facebook Comments ...

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec